Saturnine- “Mors Vocat”

Siamo votati alla morte.
Ovidio, e Orazio prima di lui, non si nascondevano dietro ad un dito quando parlavano di “termine delle cose” e oggi quella frase che ricorda come la “morte richiami tutti alle sue leggi”, è il punto di appoggio dell’album delle Saturnine. Band italiana di 5 elementi femminili che non risparmiano l’ascoltatore con un plumbeo e abissale doom inacidito da sludge, death svedese (dell’epoca d’oro) e corroso da un’attitudine black.
In questo album funziona tutto, a partire dai testi che (finalmente) si riappropriano di una matrice dialogante e di espressione di pensiero e non di semplice accompagnamento al suono, offrendo riflessioni  sul dicotomico e paradossale rapporto dell’uomo con la natura, rappresentato sin dalla cover, e dell’uomo e la sua involuzione autodistruttiva.
Le tracce sono potenti passi di antichi dei tornati sulla terra, echeggiano, rimbombano, tuonano, incedendo con un inesorabile senso di possanza e sgomento da cui non ci si può sottrarre. Si resta annichiliti dalla forza primordiale e oscura che il gruppo genera.
Pulsante sofferenza che diventa motrice di un vortice divoratore, le Saturnine offrono questo in un album straordinario.

ALex
Back in Black

info:backib@libero.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...