Hibagon-And the quest for the creature previously known as Moughra the Guardian

L’Hibagon fa parte della tradizione del  Giappone, è il loro Big Foot, il corrispettivo dell’estremo oriente dell’uomo delle nevi, che qui diventa un prezioso e sperimentale due di heavy-psy-stoner rock targato Bergamo. Un progetto assolutamente convincente per attitudine, energia e follia programmatica.

Chitarra e batteria che ci lanciano in un vortice continuo di sonorità sci-low-fi, tra spazi siderali e film di Russ Meyer -condite da un pizzico di “Heavy Metal” di Gerald Potterton- in un lungo tessuto narrativo fatto di schemi precisi che vengono completamente lacerati da sfuriate fameliche e urlanti, con circonvoluzioni e avvitamenti ritmici.
Il pensiero viene decisamente messo da parte nell’ascoltare questo disco grandioso, sontuoso e al tempo così scarno, che conduce là dove nessun uomo è mai stato prima, per cercare quella creatura conosciuta come Moughra il Guardiano.

Affascinante e delirante romanzo musicale che ho già quasi distrutto.

ALex
Back in Black
info:backib@libero.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...