Nikita. Chiamatelo erotismo

Ho incontrato Nikita, tempo fa e abbiamo realizzato con lei un’approfondita intervista che vi lascio alla fine di questo articolo.
Nel tempo trascorso con lei, mentre rispondeva sincera e sicura alle mie domande mi sono reso conto della grande professionista che avevo davanti agli occhi, lontana da qualsiasi tipo di “volgarità” di pensiero o di approccio che molti tendono ad affibbiarle, piena di coscienza artistica e soprattutto una donna che si conosce bene e non scende a compromessi con quanto di più facile si potrebbe concepire.

Ho assistito (attraverso il suo sguardo) alla manifestazione di un nuovo femminismo-se così lo vogliamo chiamare- che prende il meglio della corrente sociologica e lo potenzia attraverso il gioco dei sensi e il proprio ruolo nella società… avere un corpo e usarlo, ma non per svergognarlo, anzi, per valorizzarne l’aspetto operistico e renderlo – perché no- veicolo di comprensione. Non dovete chiamare pornografia quello che Nikita, giustamente, chiama erotismo. Quei sensi pizzicati ludicamente ed esplicitamente in alcune performance, che si basano su una carriera in cui spesso l’ambiguità affibbiata da altri o l’ignoranza sono stati ostacoli difficile da superare, sono le corde di quell’anima chiamata Eros, che è lontana dall’atto fine a sé stesso della consumazione carnale.

Nei nostri anni, in cui tutto sembra essere eccessivo, l’eccesso di Nikita è quello di essere sé stessa, donna, artista e anima pensante, con un suo viaggio tutto da scoprire fino alla fine di quel mondo femminile che incarna pienamente.

Alex
L’Alchimista

officinaalchemica@libero.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...